Le pietre sulla spiaggia diventano opere d’arte

Con la fantasia la staticità diventa dinamicità. Basta guardare le opere dal titolo “Sassi d’autore” di Stefano Furlani per comprendere appieno il significato di questa frase.

Stefano è nato e cresciuto a Fano, in simbiosi con il mare e le sue pietre, quelle che un po’ tutti solitamente amiamo cercare sulla riva e anche collezionare. Questo gioco lo ha appassionato sempre più, tanto da trasmetterlo al figlio Davide di tre anni, il quale si è messo alla ricerca delle pietre dalle geometrie più insolite.

Assemblandole insieme, sotto l’ombrellone, hanno iniziato a creare composizioni via via sempre più dettagliate e complesse che con il tempo sono diventate vere e proprie opere d’arte.

Date un’occhiate qui sotto

Le pietre sulle spiaggia diventano opere d'arte sassi6 sassi10 sassi8 sassi9 sassi7 sassi2 sassi-5 sassi-4 sassi
Le pietre sulle spiaggia diventano opere d'arte

sassi-13

sassi-12

Isolati Fenomeni a “Musica contro le mafie”: un like per sostenere la band romana

Avevamo già scritto di loro per parlare del brano “Eroi invisibili”, un pezzo che ricorda la stagione degli stragismi e le sue vittime “illustri”, ma anche tutti quegli eroi, appunto invisibili, che nella loro vita hanno trovato e trovano il coraggio di dire no all’oppressione delle mafie e delle ecomafie. Con gesti eclatanti o piccole azioni quotidiane invisibili.

E oggi con questo brano, gli Isolati Fenomeni, band romana vintage pop (così amano definirsi), sono in concorso per la settima edizione del Premio nazionale Musica Contro le Mafie dell’Associazione Libera.

Il Premio assegna a musicisti di ogni età, senza differenza di genere musicale, un importante riconoscimento all’impegno sociale, alla consapevolezza e alla cittadinanza attiva e responsabile. Il Premio ammette musicisti che si distinguono per la sensibilizzazione e diffusione di messaggi profondi, artisti che contribuiscono a diffondere un modello culturale da contrapporre a quello mafioso e che tengono viva la Memoria per trasformarla in strumento di impegno, di lotta, di cittadinanza attiva, critica e consapevole.

Ecco perché è importante sostenere Isolati Fenomeni.

La band romana Isolati Fenomeni a “Musica contro le mafie”: un like per sostenerli

Come spiega don Luigi Ciotti: “La Musica è Armonia, e armonia significa accordo. Armonia è quando da una relazione di parti scaturisce qualcosa di diverso e di comune, qualcosa in cui ogni parte si possa riconoscere senza perdere per questo la sua identità…questo è il senso profondo di Musica contro le mafie”.

Il voto finale di ogni brano che partecipa al Premio, sarà frutto della votazione di tre diverse giurie: una giuria “facebookiana” rappresentata da tutti coloro i quali decideranno di votare i brani in gara sul portale del “Premio Musica contro le mafie 7^ Edizione″ (influenza sul voto finale pari al 20%); una giuria studentesca rappresentata da una rete di scuole sul territorio Italiano (35% del voto finale) e una giuria “responsabile” composta da giornalisti/critici musicali, esponenti di associazioni, scrittori, operatori del mondo musicale italiano 45% nel voto finale).

Sosteniamo Isolati Fenomeni con il loro pezzo Eroi Invisibili. Per votare basta mettere un “like” sulla loro scheda: https://premium.easypromosapp.com/voteme/309604/624281833. C’è tempo fino al 26 novembre prossimo.

La band Isolati Fenomeni è composta da Lori (voce), Aldo (basso), Ale (synth, piano, tastiere), Eugyn (chitarre), Leo (batteria). Nata nel 2005 dalla fusione di idee e suoni frutto di “divergenti” esperienze artistiche dei suoi componenti, che variano dal folk all’hard rock, passando per il jazz, il funk per finire addirittura all’heavy metal, la banda ama definirsi “unclassifiable vintage pop”. In questi giorni esce il nuovo album dal titolo “Asteroidi”.

Video di Eroi invisibili

Calabria magnetica: l’istmo più stretto d’Italia. Lamezia, Tiriolo, Gizzeria, Zambrone, la Sila

Bella ma aspra, magnetica ma controversa, generosa ma dura. Una terra di contrasti, terra antica, terra che sa regalare grandi storie e grandi incontri a chi sa cercarli.

Piccolo viaggio nell’istmo più stretto d’Italia, nella terra dei due mari narrata anche da Omero, sulle vette da cui scorgere spettacolari albe sullo Ionio e tramonti mozzafiato sul Tirreno.

Nelle giornate più terse, lo sguardo spazia fino all’Etna, alle Eolie, allo Stromboli fumante.

Nel video anche brevissimi flash sul Parco Nazionale della Sila, un pezzo di Scandinavia nel cuore del Mediterraneo.
Calabria insolita, oltre la conosciutissima Tropea, c’è molto, molto altro da scoprire.

Calabria magnetica: l'istmo più stretto d'Italia. Lamezia, Tiriolo, Gizzeria, Zambrone, la Sila

Susan Sarandon: “Ecco perché non voterò Hillary Clinton”

“Ho aspettato che Hillary Clinton cambiasse posizione sulle questioni più urgenti. Ma…

Lei non supporta il salario minimo di 15 dollari.
Lei non sostiene la legalizzazione della marijuana.
Lei sostiene il Ttip.
Lei ha promosso il fracking e la Monsanto.
Lei sostiene le trivellazioni in mare.
Lei non ha preso posizione sull’oleodotto Dakota Access.
Lei si oppone all’etichettatura degli OGM.
Lei si oppone alla rottura con le grandi banche.
Lei prende i soldi dai lobbisti per la campagna elettorale.
Lei si oppone ad un trattato vincolante sul clima.
Lei sostiene incondizionatamente gli aiuti militari a Israele.

Sono pertanto molto lieta di sostenere per la presidenza degli Stati Uniti Jill Stein (la candidata dei Verdi), perché difende tutto ciò in cui credo.
È chiaro che ormai un terzo partito è necessario e vitale in questo momento. E questo è il primo passo nella realizzazione di questo fine.
La paura di Donald Trump non è sufficiente per me per sostenere la Clinton, con  la sua storia di corruzione.
Ora che Trump si sta autodistruggendo, sento che anche in quegli stati in bilico c’è la possibilità di votare secondo coscienza”.