Le rocce di Stonehenge non sarebbero state trasportate da esseri umani

Vi sono prove sostanziali che le rocce di Stonehenge non sarebbero state trasportate da esseri umani.

Secondo un team di studiosi gallesi sarebbero state mosse dai ghiacciai.

Sunset_at_Stonehen_3526414b

In precedenza, invece, un team di esperti dell’University College di Londra (UCL) aveva affermato di aver risolto l’enigma archeologico, confermando che le pietre erano state trascinate dai nostri antenati preistorici da due siti nel Pembrokeshire. Il team di archeologi e geologi crede fermamente che le pietre misteriose siano state estratte dalle Preseli Hills, un gruppo di colline del Galles sud occidentale situate nella parte settentrionale della contea del Pembrokeshire. Essi ritengono che tra i 4000 e 5000 anni fa, esseri umani trasportarono le rocce dalla catena montuosa del Galles nella loro attuale sede, nel Wiltshire.

Ma un rapporto recente ha messo in discussione la tesi del coinvolgimento umano: gli scienziati hanno confutato le scoperte dell’Ucl. Brian John, Dyfed Elis-Gruffydd e John Downes hanno pubblicato la propria ricerca sulla rivista “Archaeology in Wales”, sostenendo che non ci sono “tracce di intervento umano in nessuna delle caratteristiche che hanno reso gli archeologi così entusiasti”.
Sheep_grazing_in_a_3526412b

Il gruppo non accetta l’idea di una cava neolitica nelle colline Preseli e dice che i segni presunti di ‘estrazione’ ad opera di esseri umani a Craig Rhos-y-Felin erano del tutto naturali. Ritengono inoltre che gli archeologi dell’Ucl potrebbero aver inavvertitamente creato alcune caratteristiche durante i cinque anni di rimozione dei sedimenti.

Nell’articolo, il dottor John e il suo team descrivono una serie di diverse morfologie e sedimenti che possono essere messi in relazione agli eventi dell’ultima glaciazione avvenuta in questa zona circa 20.000 anni fa.

bt The Telegraph

Copyright © 2016 "The Universal" Privacy