4304.0.1110165411-kNpG-U431705732352469wB-593x443@Corriere-Web-Sezioni

Piercamillo Davigo: “Non hanno smesso di rubare, hanno smesso di vergognarsi”

“Non hanno smesso di rubare; hanno smesso di vergognarsi. Rivendicano con sfrontatezza quel che prima facevano di nascosto. Dicono cose tipo: “Con i nostri soldi facciamo quello che ci pare”. Ma non sono soldi loro; sono dei contribuenti”. Sono le parole del magistrato Piercamillo Davigo, nuovo presidente dell’Associazione nazionale magistrati, 24 anni fa nel pool di Mani Pulite, intervistato dal Corriere della Sera.

«Rivoltare l’Italia come un calzino»e le altre frasi celebri di Davigo

Alla domanda se la situazione è peggiorata rispetto agli anni di Mani pulite risponde: «È peggio di allora. È come in quella barzelletta inventata sotto il fascismo. Il prefetto arriva in un paese e lo trova infestato di mosche e zanzare, e si lamenta con il podestà: “Qui non si fa la battaglia contro le mosche?”. “L’abbiamo fatta — risponde il podestà —. Solo che hanno vinto le mosche”. Ecco, in Italia hanno vinto le mosche. I corrotti».

Su Renzi dice: “Questo governo fa le stesse cose. Aumenta le soglie di rilevanza penale. Aumenta la circolazione dei contanti, con la scusa risibile che i pensionati non hanno dimestichezza con le carte di credito; ma lei ha mai visto un pensionato che gira con tremila euro in tasca?.

“Quindi si ruba più di prima?”, chiede il giornalista del Corriere.  “Si ruba in modo meno organizzato. Tutto è lasciato all’iniziativa individuale o a gruppi temporanei. La corruzione è un reato seriale e diffusivo: chi lo commette, tende a ripeterlo, e a coinvolgere altri. Questo dà vita a un mercato illegale, che tende ad autoregolamentarsi: se il corruttore non paga, nessuno si fiderà più di lui. Ma se l’autoregolamentazione non funziona più, allora interviene un soggetto esterno a regolare il mercato: la criminalità organizzata“.