La Brexit segna la fine dell’era della globalizzazione

Per decenni, i leader finanziari e politici hanno predicato l’inevitabilità della globalizzazione, promettendo alle nazioni che sacrificando parte della propria sovranità e facendo cadere le barriere nazionali avrebbero beneficiato di ricompense ben maggiori attraverso l’integrazione economica e la cooperazione.

E questo si è rivelato essere in gran parte vero.

Ma il voto a sorpresa della Gran Bretagna che lascia l’Unione europea segna una nuova era dopo quella della globalizzazione post seconda guerra mondiale.
Il voto è stato forse, fino ad oggi, il più grande referendum pubblico sulla globalizzazione.

Ora la Gran Bretagna e le altre democrazie occidentali potrebbero trovarsi di fronte a crescenti pressioni per mettere un freno all’apertura commerciale e alle politiche sull’immigrazione che sono stati i tratti distintivi della crescita mondiale.

L’era della globalizzazione è sicuramente finita“, ha dichiarato Fredrik Erixon, direttore del Centro europeo per la Politica Economica Internazionale, un think tank indipendente, con sede a Bruxelles.

Pochi stanno prevedendo uno scenario in cui le principali frontiere sono chiuse e il protezionismo governa la quotidianità. Tuttavia i sentimenti sottolineati dalla ribellione del popolo britannico sono ampiamente condivisi da molta altra gente nell’UE e negli Stati Uniti. I politici e gli investitori sono particolarmente preoccupati che la mossa della Gran Bretagna farà da catalizzatore per altri movimenti secessionisti nell’UE, che potrebbero modificare sostanzialmente la struttura politica ed economica che è in vigore da decenni.

“Con un colpo solo, l’ordine del mondo è stato capovolto in una notte, e dove il caos si ferma nessuno lo sa”, ha detto Chris Rupkey, capo economista finanziario per Mitsubishi UFG Financial Group.

La reazione nasce dalla crescente consapevolezza che i maggiori vincitori della globalizzazione sono stati le multinazionali, le famiglie benestanti, operai specializzati e istruiti e quelli con un facile accesso al capitale. Le famiglie più anziane della classe operaia in molte nazioni occidentali hanno invece fatto i conti con salari stagnanti, la perdita del posto di lavoro e un debito sconcertante. La disuguaglianza del reddito è peggiorata in molti degli stessi paesi che hanno abbracciato la globalizzazione.

Allo stesso tempo, le forze che una volta hanno azionato la globalizzazione – tecnologie avanzate, riduzione delle barriere e l’ascesa della Cina e di altre economie in via di sviluppo – sono diminuite.  Il commercio mondiale e la crescita economica sono anche rallentate negli ultimi anni.

Con il cosiddetto voto Brexit, l’Unione Europea, a sua volta probabilmente l’esperimento più ambizioso di globalizzazione dopo la seconda guerra mondiale, appare a rischio disfacimento.

La Brexit segna la fine dell'era della globalizzazione

“Nel dopoguerra, con l’ombra delle guerre mondiali e dell’URSS che non è più l’Europa, i paesi sono sempre più pronti a tornare al nazionalismo“, ha detto un diplomatico europeo ai giornalisti a Washington, parlando in forma anonima.
Negli Stati Uniti, la marea antiglobalizzazione ha portato all’opposizione pubblica a offerte commerciali radicali, come ad esempio l’accordo di libero scambio nordamericano e la proposta del patto commerciale delle 12 nazioni conosciuto come la Trans-Pacific Partnership.

Al centro della campagna “Leave” in Gran Bretagna c’è stato il desiderio di limitare l’immigrazione e recuperare la piena sovranità in Parlamento.

“Entrambi questi temi sono incompatibili con un mondo che è sempre più globalizzato”, ha detto Erixon, il direttore del think tank. Egli ha aggiunto che “la dipartita della Gran Bretagna renderà l’Unione europea sempre più ripiegata su se stessa, più difensiva sulla globalizzazione”
L’Unione europea è nata dalle ceneri delle due guerre mondiali che avevano diviso il continente, e il mercato unico e l’unione politica erano cresciuti intorno a 28 membri, leader europei che hanno visto nella maggiore integrazione economica e sociale un modo per competere in un mondo sempre più in orbita attorno agli Stati Uniti e alla Cina, le due più grandi economie.

Ma i sentimenti anti-europei si sono acuiti a seguito della incapacità dell’Ue di rispondere in modo efficace alla crisi globale e alla crisi della zona euro, così come sulla gestione della pesante ondata migratoria dall’Europa orientale e, più recentemente, dal Medio Oriente.

C’è di più la ripresa economica ha lasciato fuori grandi segmenti della popolazione in Gran Bretagna e in altri paesi dell’UE. E questi sono diventati sempre più frustrati e l’hanno vista come una mancanza dei governi che non hanno agito in direzione dei loro bisogni.

“La parte davvero, davvero sorprendente del referendum Brexit e della ribellione contro la globalizzazione è che è sostenuta da un gruppo di “baby boomers” che hanno beneficiato enormemente delle società aperte”, ha detto Erixon. “Ora si stanno ribellando contro la loro stessa storia economica.”

In Europa e negli Stati Uniti, le proteste sono state particolarmente forti da parte dei cittadini più anziani e meno istruiti che hanno risentito della perdita del lavoro o della stagnazione del reddito. La maggior parte dei loro mezzi di sostentamento sono stati tagliati dall’automazione e dalla manodopera straniera a prezzi più bassi- due caratteristiche importanti della globalizzazione – così come le multinazionali e gli individui ricchi sono diventati sempre più ricchi.
“Questo voto [in Gran Bretagna] è stato mobilitato intorno a questioni di nazionalismo definito in termini etnici”, ha detto Robert Shapiro, presidente della società di consulenza Sonecon ed ex consigliere economico del presidente Clinton. “È sorprendente che uno dei paesi più sofisticati sia caduto per questo,” ha detto. “Questo ci dice molto sul fallimento sostanziale dell’UE.”
Il respingimento della globalizzazione pone anche una nuova domanda: Qual è l’alternativa? Finora, c’è molto di più accordo sui problemi che la globalizzazione ha creato rispetto a qualsiasi soluzione o risposta.

Il dolore economico diretto e immediato si farà sentire più duramente in Gran Bretagna. L’economia della nazione aveva superato la maggior parte degli altri paesi in Europa occidentale negli ultimi anni, ma nei prossimi mesi potrebbe arrivare la recessione.
Il mondo ha sempre considerato Londra come capitale finanziaria d’Europa, anche per la cultura cosmopolita e per il libero flusso dei lavoratori. Ora tutto questo potrebbe finire e Londra potrebbe diventare vittima della reazione alla globalizzazione.

“È chiaro che c’è un sacco di insoddisfazione là fuori”, ha detto Clyde Prestowitz, presidente dell’Istituto sulla strategia economica ed ex negoziatore per il commercio nell’amministrazione Reagan. “Quello che è stato ignorato(dalle elitè politiche ed economiche, ndr)”, ha detto, “è che per gran parte della popolazione, la globalizzazione non è stata una grande cosa.”

dal Los Angeles Times

Copyright © 2016 "The Universal" Privacy