bambino siriano cartoon

Il cartoon sul bimbo siriano annegato è la risposta del mondo alla crisi dei rifugiati

Le strazianti immagini di Aylan al-Kurdi, il bambino di tre anni ritrovato annegato sulla spiaggia di Bodrum in Turchia, si sono diffuse in tutto il mondo.

In fuga dall’orrore della guerra nella sua terra d’origine in Siria, Aylan è stato uno dei più di 2.500 morti quest’anno in mare, nel Mediterraneo, in cerca di una casa sicura in Europa.

Si sono installate recinzioni, sono state chiuse stazioni ferroviarie, i partiti politici di destra hanno continuato ad alimentare la paura e politici di alto livello ancora sostengono che “stiamo facendo abbastanza”.

Ma dal momento in cui le sconvolgenti immagini di Aylan sono state pubblicate, è aumentata la pressione pubblica sui leader europei per accogliere i rifugiati. Ci sono, dopotutto, milioni di persone che hanno bisogno del nostro aiuto.

Così alle petizioni e donazioni, si è aggiunto questo cartone animato incredibilmente emotivo che molte persone stanno condividendo.

L’Illustratore Rafat al-Khateeb, che disegna per Nesan Notizie nella sua nativa Giordania, così si è pronunciato:
Il concetto principale [dietro il cartone animato] è che un bambino non si preoccupa di guerre e crimini. Il bambino sa solo una cosa. Che il mondo intero è responsabile della sua morte“.

bambino rifugiato bodrum

by The Independent

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.