Perché i bambini non dovrebbero stare seduti in classe

Rimanete seduti! È il mantra di ogni classe.

Ma questa tesi sta cambiando e lo evidenzia il fatto che i momenti di intervallo “attivo”, la “ricre-azione”, durante il giorno, aiutano i bambini a imparare meglio e ad essere più attenti in classe.

Infatti un numero crescente di programmi progettati per promuovere il movimento sono in corso di adozione nelle scuole.  (Almeno in quelle statunitensi, ndr)

“Dobbiamo riconoscere che i bambini sono propensi al muoversi”, ha dichiarato Brian Gatens, il sovrintendente delle scuole nel distretto di Emerson, in New Jersey. “Nelle scuole, a volte, ci spingiamo contro la natura umana nel chiedere ai ragazzi di stare fermi e zitti per tutto il tempo”.

“Cadiamo nella trappola che se i bambini sono silenziosi e scrivono con la testa bassa sul banco, pensiamo che allora stiano imparando,” ha aggiunto Mr. Gatens. “Ma quello che abbiamo scoperto è che il tempo attivo utilizzato per stimolare il cervello rende tutti quei momenti ancora migliori”, o più produttivi.

Un rapporto datato 2013 dell’Istituto di Medicina ha concluso che i bambini più attivi “mostrano maggiore attenzione, hanno un’elaborazione cognitiva maggiore e più veloce e prestazioni migliori nei test accademici standardizzati rispetto ai bambini che sono meno attivi”. E uno studio pubblicato a gennaio dalla Lund University in Svezia, dimostra che gli studenti, soprattutto i ragazzi, che fanno educazione fisica quotidianamente, vanno meglio a scuola.

Perché i bambini non dovrebbero stare seduti in classe“L’attività fisica quotidiana è un’opportunità per la scuola media che vuole diventare una scuola ad alta prestazione”, ha dichiarato Jesper Fritz, uno studente di dottorato all’Università di Lund e medico nell’Ospedale Skane University di Malmo, autore principale dello studio.

“L’attività aiuta il cervello in tanti modi”, ha detto James F. Sallis, professore di medicina della famiglia e sanità pubblica all’Università di San Diego in California. Sallis ha fatto delle ricerche sulla relazione tra gli intervalli e il comportamento in classe. “L’attività stimola più vasi sanguigni nel cervello supportando più cellule cerebrali. E ci sono prove che i ragazzi attivi fanno meglio nei test standardizzati e prestano più attenzione a scuola”.

John Ratey, professore associato di psichiatria alla Harvard Medical School ha spiegato: “ Il movimento attiva tutte le cellule del cervello che i ragazzi stanno usando per imparare, sveglia il cervello“.

“Inoltre”, ha aggiunto, “i bambini vanno più volentieri a scuola; è divertente fare queste attività.”

Tuttavia non tutti i distretti stanno abbracciando questa tendenza che punta al movimento in classe.

“La linea di fondo è che con solo sei ore e mezza di scuola durante il giorno, la priorità è accademica”, ha detto Tom Hernandez, il direttore delle relazioni comunitarie per il distretto scolastico di Plainfield in Illinois, a circa 40 miglia a sud ovest di Chicago. Egli ha detto che in base alle leggi dello Stato, le scuole già offrono lezioni di educazione fisica quotidiana e che gli insegnanti trovare poi, durante il giorno, anche il modo di dare agli studenti il ​​tempo per rinfrescarsi e ricaricarsi.

“I bambini non sono fatti per stare fermi tutto il giorno e raccogliere informazioni,” ha affermato Steve Boyle, uno dei co-fondatori della National Association of Physical Literacy, che mira a portare il movimento nelle scuole.

L’associazione di Mr. Boyle ha prodotto una serie di video chiamati “BrainErgizers” che vengono utilizzati nelle scuole e nei club per ragazzi e ragazze in diversi Stati: Canada, Messico, Irlanda e Australia.

Il programma è progettato in modo che durante il giorno  gli insegnanti possono dedicare qualche minuto per i loro studenti, guardando un video e seguendo gli spunti forniti dagli istruttori.  “Non stiamo cercando di sostituire i corsi di ginnastica, puntiamo a dare ai ragazzi più minuti di attività a settimana. E con l’introduzione degli sport nei video, diamo la possibilità di provare a fare sport che magari non avrebbero mai provato a fare”.

 

Traduzione di Maria Murone. Per leggere l’articolo originale del New York Times clicca qui 

Copyright © 2016 "The Universal" Privacy