falcone_borsellino-2

Il figlio di Riina da Vespa, il servizio pubblico che non educa a riconoscere il male

La notizia, nauseabonda, di invitare in una televisione pubblica il figlio del boss Totò Riina, a presentare il suo libro,  ha provocato sdegno e polemiche inevitabili.

Per la presidente della commissione Antimafia, Rosi Bindi, è la conferma che Porta a porta si presta ad essere  il salotto del “negazionismo della mafia”.

Qui di seguito proponiamo il commento di Salvatore Borsellino, fratello di Paolo, il magistrato ucciso il 19 luglio 1992 nella strage di via d’Amelio. Paolo Borsellino diceva “se la gioventù le negherà il consenso, anche l’onnipotente e misteriosa mafia svanirà come un incubo”. Se invece, come in  questo caso, un’emittente pubblica continua a darle visibilità, trattando i personaggi come star e quasi vittime, il consenso potrebbe non calare. In un mondo migliore il servizio pubblico avrebbe proiettato il film di Pif: “La mafia uccide solo d’estate”. Difendere i propri figli dalla malvagità del mondo e aiutarli a riconoscerla, diceva Pif nella scena finale. Proprio quello che il servizio pubblico Rai non ha fatto. 

Dare spazio in una trasmissione Rai al figlio del capo dei capi è una scelta di cattivo gusto, irrispettosa nei confronti dei familiari e di tutte le persone sane e oneste di questo Paese.

“Avrei preferito non dovere scrivere queste righe, avrei preferito non essere costretto ad essere assalito dal senso di nausea che ho provato nel momento in cui ho dovuto leggere che il figlio di un criminale, criminale a sua volta, comparirà questa sera nel corso di una trasmissione della RAI, un servizio pubblico, per presentare il suo libro, scritto, come dichiarerà lui,”per difendere la dignità della sua famiglia”. Di quale dignità si tratti ce lo spiegherà raccontandoci come, insieme a suo padre, seduto in poltrona davanti alla televisione, abbia assistito il 23 maggio e il 19 luglio del ’92 allo spettacolo dei risultati degli attentati ordinati da suo padre per eliminare Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Non ci racconterà forse le esclamazioni di gioia di quello stesso padre che descriverà, come da copione, come un padre affettuoso, ma quelle possiamo immaginarle dalle espressioni usate da quello stesso padre quando, nelle intercettazioni nel carcere di Opera, progettava di far fare la “fine del tonno, del primo tonno” anche al magistrato Nino Di Matteo. Non ha voluto rispondere, Salvo Riina, alle domande su Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Non me ne rammarico, quei nomi si sarebbero sporcati soltanto ad essere pronunciate da una bocca come la sua. In quanto al conduttore Bruno Vespa avrà il merito di fare diventare un best-seller il libro che qualcuno ha scritto per il figlio di questo criminale e che alimenterà la curiosità morbosa di tante menti sprovvedute. Si sarà così guadagnato le somme spropositate che gli vengono passate per gestire un servizio pubblico di servile ossequio ai potenti, di qualsiasi colore essi siano. Qualcuno ha chiamato la trasmissione “Porta a Porta”, la terza Camera, dopo la Camera dei Deputati e il Senato della Repubblica, questo significa infangare le istituzioni, infangare la nostra Costituzione, sport che sembra ormai molto praticato nel nostro paese. In quanto a noi familiari delle vittime di mafia eventi di questo tipo significano ancora una volta una riapertura delle nostre ferite, ove mai queste si fossero chiuse, ma ormai purtroppo questo, dopo 24 anni un cui non c’è stata ancora ne Verità ne Giustizia, è una cosa a cui ci siamo abituati, ma mai rassegnati. La nostra RESISTENZA continuerà fino all’ultimo giorno della nostra vita“.