“Voglio essere il più grande artista di tutti i tempi”, la frase di un bambino che diventa il re del pop mondiale. La storia di Michael Jackson raccontata da Spike Lee

Spike Lee ha esplorato l’universo Michael Jackson nel suo nuovo documentario. 

2390
Dalla nascita dei Jackson 5, al fenomeno mondiale lanciato da Thriller, la storia del re del pop raccontata in Michael Jackson’s Journey From Motown to Off the Wall è la storia della più grande star del mondo

“Voglio essere il più grande artista di tutti i tempi”. È la frase scarabocchiata da Michael Jackson in una lettera ingiallita conservata dal suo archivista dei beni. Un foglio in cui il piccolo Michael appunta i suoi sogni.

“Aveva già visualizzato – spiega Spike Lee- dove avrebbe voluto andare, chi avrebbe voluto essere… Non si è mosso a caso, non è stato un incidente. Questa roba era stata pianificata! Dobbiamo essere chiari su una cosa, però: lui l’ha fatta succedere. Non c’è stata nessuna magia, nessun hocus pocus, nessun abracadbra. Si è sbattuto per arrivare a quel livello”.

Quel “ragazzino afro” ad un certo punto intraprende la carriera da solista. E scrive pezzi memorabili come  Don’t Stop ‘Til You Get Enough, Working Day and Night, Rock With You e She’s Out of My Life. Innovativo sempre, anche alla fine degli anni ’70, secondo Lee. I suoi dischi già da allora portavano novità. 

Il 26 febbraio scorso è uscito il dvd.

 

by The RollingStones

Copyright © 2016 "The Universal" Privacy