Coronavirus, l’acqua nei canali di Venezia diventa cristallina

Se i pessimisti vedono un bicchiere mezzo vuoto, gli ottimisti ne vedono in realtà uno mezzo pieno.

Lo stesso vale per il caos in corso in seguito all’emergenza coronavirus: mentre alcuni stanno accumulando carta igienica come se non ci fosse un domani, ci sono persone che intravedono risvolti positivi anche in una situazione così terribile.

Uno di questi è che l’inquinamento è diminuito drasticamente a seguito del blocco in Italia. Scienziati e ricercatori concordano sulla significativa riduzione rilevata dei livelli di NO2.

Quindi, man mano che le strade sono più vuote, l’aria diventa più chiara e le acque fangose ​​si schiariscono per mostrare la vita che c’è nei canali di Venezia e che non è stata mai vista prima.

Solo i piccioni camminano sui marciapiedi deserti e nelle piazze.

Venezia ha già sofferto abbastanza di turismo eccessivo.

SONY DSC
SONY DSC

Pertanto, ora sembra il momento perfetto per lasciare “respirare” la città. Le acque del canale di Venezia si sono finalmente schiarite. Si vedono i pesci.

fish-seen-in-clear-venice-canals-after-coronavirus-lockdown-1-5e71e14b44f5e__700

fish-seen-in-clear-venice-canals-after-coronavirus-lockdown-2-5e71e14dce64d__700

fish-seen-in-clear-venice-canals-after-coronavirus-lockdown-3-5e71e15057708__700

Image credit: Marco Capovilla