The Universal

Scoprire il mondo con nuovi occhi.

Le reazioni di giovani uomini alla chiamata militare della Lituania

Due donne in Lituania stanno affrontando un argomento molto controverso attraverso la fotografia: l’obbligo militare, improvvisamente ripristinato dal governo lituano pochi mesi fa.

La serie di foto è nata da una collaborazione tra l’attrice lituana, la conduttrice televisiva Beata Tiskevic-Hasanova e la fotografa lituana e studentessa di scienze politiche Neringa Rekasiute.

L’11 maggio scorso, più di 37.000 uomini, di età compresa tra i 19 e i 26 anni, si sono svegliati e hanno trovato i loro cognomi nella lista del servizio militare obbligatorio della Lituania. La cosa più inquietante è la reazione dell’opinione pubblica, molto dura e spietata nei confronti di chi non vuole fare il militare. Sono stati chiamati “poco virili”, “codardi”, “vergognosi”, ecc. Questa negatività ha attirato l’attenzione di Beata e Neringa che hanno deciso di rispondere in modo creativo.

Hanno raccolto 14 uomini di età compresa tra i 17-28, casuali, e hanno scattato dei ritratti in uniforme militare. Beata e Neringa hanno pensato di mostrare quanto siano pericolose le aspettative della gente: un uomo si suppone che sia razionale ed aggressivo. Loro hanno voluto mostrare il lato vero, emozionale ed umano: insegnando agli uomini ad esprimere le proprie emozioni e non a forzare l’immagine stereotipata di loro. Le immagini sono accompagnate da citazioni. Essi esprimono la loro opinione su ciò che significa essere virile e andare al militare.

by Bored Panda

Jaunius, 18: Una pistola tra le mani non definisce la propria virilità

lituani obbligo militare

 

VYTAUTAS, 27: Un esercito non farà di voi un uomo – se sei un idiota, rimarrai un idiota

lituani obbligo militare 1

 

Dominykas, 26: È una mia scelta che tipo di uomo voglio essere

 

lituani obbligo militare 2

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.